Canti di terra e di mare

di Mario Pennelli
Editore FaLvision, 2015

domenica 29 maggio, ore 18.00
Fontana Angioina

Un cialtrone – così si definisce Mario Pennelli, giovane e frizzante autore pugliese – racconta una Puglia fatta di colori e calore, fra canti, storie e scene popolari, tra calici di vino e frutti di mare. Una Puglia vista come una bella donna da amare, ammirare e scoprire in tutte le sue sfaccettature, in tutti i suoi meravigliosi scorci. Una terra ed un mare difficili da eguagliare così come la maniera in cui vengono bizzarramente narrati.


L’autore

Mario Pennelli è autore, per FaLvision, anche dell’opera dal titolo Incredibilia, una raccolta di canti, omericamente intesi, intrisi di cenni filosofici, epici, riferimenti storici in cui il lettore è chiamato ad uno studio non superficiale di ogni singola parola non messa lì a caso ma architettata all’interno di un quadro unico di poesia, magia e surrealismo che fanno di Pennelli, in arte Bolivar, un aedo moderno, un moderno cantastorie, il nuovo Omero.

Classe ’88, Maturità classica, diploma di enologo rilasciato dall’IPSAAR “Perotti” di Bari, ha studiato presso la Scuola Sperimentale di Cinematografia di Roma, iscritto alla Facoltà di Scienze della Formazione, corso di Laurea in Scienze della Formazione Primaria, recentemente è stato premiato alla XVII edizione del Premio Letterario Osservatorio.